giovedì 9 giugno 2011

Crostata di ciliegie e pistacchi


Continuiamo con i dolci, perché non posso aspettare per caricare questa ricetta altrimenti si rischia che le ciliegie finiscano! Per ora sono ovunque, sugli alberi, nei negozi, a casa di amici, a scuola, dappertutto.
Settimana di pioggia e cielo modello berlinese, si dorme coperti e si indossa nuovamente la giacca di pelle che fa tanto rock. Non mi dispiace, però ora basta.
Vi lascio con una poesia di un poeta scoperto grazie ad un amico e con una canzone che mi piace particolarmente.

Prendiamo il té
sull'orlo dell'abisso
discorrendo delle chiare circostanze
di una paleoprimavera
-era nel secondo millennio-
Tutto continua
come prima
Abbiamo Venezie
da costruire
deserti
da inaugurare
Un appuntamento
con Virgilio
Un vecchio dispiacere
da finire
Il ciclone annunciato
sarà tutto sommato
in questo luogo comune dove siamo
solo un breve delirio tropicale
Siete sicuro veramente
che il cane si è messo a ruggire
& che il piano clavicenbali?
Sei sicuro
piccolo Pitagora
che insista ancora
a tarda ora
il tuo strano colloquio intimo?

Raymond Farina

http://www.youtube.com/watch?v=qe2-gdYLjdo



Ingredienti:

Pasta frolla:
300 grammi di farina
130 grammi di zucchero
100 grammi di burro (freddo da frigo)
1 uovo intero
un pizzico di sale
un cucchiaio o due di latte se tende a spezzettarsi

400 g di ciliegie
60 g di pistacchi sgusciati non salati
due cucchiai di zucchero
zucchero di canna

Sfarinare con la punta delle dita il burro con la farina. Fare una fontana e mettere al centro l' uovo e sbatterlo bene con lo zucchero. Mescolare buttando la farina sull'impasto di uova e zucchero, cercare di far amalgamare gli ingredienti. Lasciare l'impasto a riposare in frigo per un'ora.

Denocciolare le ciliegie dividendole a metà e metterle in un piatto mescolandole con i due cucchiai di zucchero e lasciarle riposare per un po'.
Tritare i pistacchi. Stendere un disco di pasta frolla in una teglia di circa 25 cm di diametro, versarci dentro le ciliegie, spolverare con i pistacchi tritati e dello zucchero di canna.
Cuocere in forno a 180°C per circa 40 minuti.

4 commenti:

  1. bella la poesia dove mi vedo a bere thè sull'abisso e ad ascoltare questa vecchia canzone.

    RispondiElimina
  2. raymond farina4 ottobre 2011 07:17

    chers gourmets et poètes,comment vous remercier pour votre blog où tout est beau et bon - à voir, à lire et à rêver - vous remercier aussi d'y avoir accueilli mon poème parmi tant de voix que j'aime.
    Bien cordialement. Raymond Farina.
    Si vous le souhaitez, vous pourrez trouver ma petite anthologie bilingue "Italiques" en ebook libre et gratuit sur le blog de "la dimora del tempo sospeso"(http://rebstein.files.wordpress.com/2011/09/raymond-farina-italiques1.pdf)

    RispondiElimina
  3. Merci, Raymond,

    I can't write in French, I hope that you can understand English. I'll read your poems on La dimora del tempo sospeso.
    Keep in touch. Have you an email address?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...