venerdì 23 settembre 2011

Confettura di fichi d'India e Cointreau



Una confettura di fichi d'India (belli e impossibili!) con un'aggiunta mia...

Poi una poesia di Paul Muldoon, poeta irlandese che sarà ospite sabato al Poesia Festival delle Terre dei Castelli , un ricco festival poetico che si svolge ogni anno nei paesini della provincia di Modena. Fateci un salto se siete in zona!

Vento e albero

Come la gran parte del vento
accade là dove ci sono alberi,

così la gran parte del mondo è centrato
su noi stessi.

Spesso là dove il vento ha radunato
insieme gli alberi,

un albero ne prenderà
un altro tra le braccia e lo stringerà.

I loro rami che si strofinano
insieme follemente tra loro,

non è un vero fuoco,
Si stanno spezzando l’uno con l’altro.

Spesso penso che dovrei essere come
l’albero solitario, che non va da nessuna parte,

perché il mio braccio non potrebbe e non vorrebbe
rompere l’altrui. Eppure con le mie ossa rotte

sento che il tempo sta per cambiare.

Paul Muldoon



Ingredienti:

1,5 kg di fichi d'India sbucciati (circa 2 kg con la buccia)
400 g di zucchero
1 bicchiere e mezzo di Cointreau

Lavare i fichi sotto l'acqua corrente con dei guanti, in modo da togliere gli aghetti. Sbucciarli e tagliarli a tocchetti. Metterli sul fuoco in una casseruola abbstanza grande e con fondo spesso. Mescolare un po' e lasciar cuocere a fuoco lento. Quando si sarà formata una sorta di crema e i pezzi si saranno un po' disfatti, togliere dal fuoco e passare il tutto in un passaverdure per togliere i semini. Rimettere la polpa nella casseruola e continuare a cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti, mescolando spesso. Dopo questo tempo, aggiungere lo zucchero e far cuocere ancora per un quarto d'ora circa, successivamente versare il Cointreau e lasciar ritirare mescolando fino a che non si avrà la giusta consistenza (versare un po' di confettura con un cucchiaino sul piatto e se non cola troppo vuol dire che è pronta). Considerare che la confettura, una volta raffreddata si indurisce, quindi la cottura deve essere terminata quando la consistenza ci appare un pochino più liquida di come la desideriamo. Riempire dei vasetti puliti con coperchi nuovi e far fare il sottovuoto facendoli bollire per circa dieci minuti in una casseruola avvolti in un panno.

3 commenti:

  1. il fico nella foto e' davvero inquietante

    RispondiElimina
  2. sembra un aliens. che bello che domattina mi farò una fetta di pane spalmata di burro e marmellata appena fatta.

    RispondiElimina
  3. Uh, come siete impressionabili!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...